Come donare

Come donare

Donare è facile, si può donare online oppure effettuare un bonifico *:

DONAZIONE ONLINE CON CARTA DI CREDITO/PAYPAL

DONAZIONE SU CONTO CORRENTE BANCARIO

Intestato a Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli
UniCredit – IBAN: IT 59 Z 02008 05314 000102940493

DONAZIONE SU CONTO CORRENTE POSTALE

Intestato a Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli
Poste Italiane – IBAN: IT 37 E 07601 03200 001032013003

Scarica promemoria per il bonifico

DEDUCIBILITÀ FISCALE
Le erogazioni liberali e le donazioni in memoria SONO deducibili.

Dalle Imprese
Deducibilità dal reddito d’impresa, senza alcun limite: L. 266/2005, art. 1, comma 353.

Dalle persone fisiche e dagli enti soggetti all’IRES
Deducibilità nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, fino all’importo massimo di € 70.000 (vale il minore dei due limiti): D.L. 35/2005, art. 14, co. 1 e succ.modd..

PER OTTENERE LA DEDUCIBILITÀ
I contributi devono essere versati attraverso il sistema bancario o postale, anche utilizzando il pagamento on line con carta di credito o debito. La deduzione va operata in dichiarazione dei redditi, mediante attestazione del versamento effettuato (es. contabile bancaria, estratto conto, vaglia o bollettino postale). Non è ammessa la deducibilità per i contributi versati in contanti.

 

La Fondazione si riserva di valutare l’accettazione, alla luce delle previsioni del proprio Codice Etico e con le formalità previste dal proprio Statuto e dalla normativa vigente.

La Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli non effettua raccolta fondi diretta, né a casa, né in strada o attraverso telefono.
Se si presenta qualcuno a nome della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli chiedendo una donazione vi preghiamo di diffidare e di avvertirci immediatamente.

Per ogni informazione non esitare a contattarci telefonicamente allo 06 3015.6335 oppure con email insieme@policlinicogemelli.it

*  Riportare nella causale o il nome del progetto (es. Fondo Carità) oppure riportare la causale “Dove c’è bisogno”.